Saumur, cosa non perdersi in giro per la città

Share

Il castello di SaumurIl castello di Saumur, nel dipartimento del Maine e Loira, sorge nelle vicinanze dell’omonima cittadina, che conta ben 29.647 cittadini, non molti, ma sicuramente abbastanza per rendere questo posto piacevole e suggestivo.

Fu sede sin dalla sua fondazione nel 1593 dell’Académie de Saumur, l’università ugonotta istituita dal governatore Philippe Durplessis-Mornay. Purtroppo però, la sede chiuse definitivamente i battenti nell’anno 1685. Durante la sua vitale presenza, l’académie accolse anche il centro dell’Amiraldismo, una corrente filosofica dipendente dal vicino protestantesimo e risalente al XVII secolo.

Oggi al contrario, l’antica sede accademica ospita l’importante Scuola Militare di Equitazione di Saumur, che è stata fondata solo nell’anno 1763. Annualmente, ancora oggi, la Scuola è solita organizzare un famoso spettacolo di natura equestre che prende il nome di Cadre Noire, che deriva dalla divisa che viene usata dagli allievi di colore completamente nero. Vi partecipano i giovani cadetti sia a cavallo che a redine.

Cosa vedere a Saumur:

– il castello, patrimonio dell’UNESCO dall’anno 2000, fondato nel XIV secolo sulle fondamenta di una precedente costruzione romana, che a sua volta aveva sostituito un precedente fabbricato gallico;

– la chiesa di Notre Dame des Ardilliers, la cattedrale della città dalle squisite fattezze, che rappresenta il centro spirituale della regione;

– i luoghi legati agli scritti dell’autore Honoré de Balzac, il famoso scrittore francese, che decise di ambientare qui il romanzo Eugenia Grandet. Oltre a tutti questi particolari, la zona regala ai suoi visitatori, ed in particolare agli innamorati, una delle viste più romantiche della zona, cosa che accede quando il paesaggio si tinge di rosso durante uno dei famosi tramonti della Loira. Non resta che godersi il panorama osservando le torri appuntite del castello e delle chiese cittadine che si riflettono sulle acque del fiume;

– le tortuose stradine del centro storico, con tanto di antiche e pittoresche abitazioni, vedute capaci di catapultare ogni visitatore nell’epoca medioevale. Ad esempio lungo piazza St. Pierre e via Saint-James, in cui sono presenti anche le tipiche boutique di antichità e d’artigianato;

– la chiesa di Saint-Pierre, di origine medievale, che è uno dei pochi luoghi di culto della Loira che non ha subìto notevoli variazioni architettoniche durante i secoli;

– il municipio della città, la cui architettura si colloca a metà tra lo stile gotico e rinascimentale, è uno dei siti più famosi del centro urbano.

Tante ragioni per fermarsi a Saumur:

Scorcio notturno di SaumurSicuramente Saumur non è tra le location più famose, ma pochi sanno che, oltre alle bellissime chiese ed al castello che controlla la vallata, si trova in una posizione particolarmente strategica. Dalla città, infatti, è facile avere la possibilità di visitare ben altri 11 castelli, disposti lungo tutto il territorio circostante.

Non molto conosciuti, ma sicuramente apprezzabili, sono anche i 3 mulini a vento che si trovano nelle campagne appena fuori le mura della città, ancora completamente funzionanti, che portano i nomi di Gasteé, Goure e Sarre.

Dagli appassionati di storia medievale a quelli di cultura equestre, Saumur possiede quel qualcosa capace di attirare l’interesse di tutti. Insomma, di ragioni per fermarsi in questa cittadina ne esistono tante.

Ludovica Vacri

Appassionata di SEO e Medical Writing, collaboro come Editor e Copy J. Sono un appassionata di viaggi e cucine tipiche. Collezioni oggetti vintage e mi piacerebbe trasferirmi ad Amsterdam

Latest posts by Ludovica Vacri (see all)

Share

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>