Il “Natale nel corso dei secoli” ad Amboise

AmboiseCon l’arrivo del primo freddo che profuma di neve ormai alle porte, i castelli della Loira sembrano tingersi di una nuova luce, quella natalizia. Nonostante manchino due mesi al 25 dicembre, non è mai troppo presto per iniziare i preparativi, per addobbare a festa e per immergersi in quell’atmosfera quasi da sogno. Il Natale è ormai diventata una festa più commerciale che religiosa, e le sue tradizioni sono andate via via perdendosi nel corso dei secoli, per cui risulta quasi impossibile immaginare come i reali francesi celebrassero le feste in passato.

È per questo che al castello di Amboise, dall’11 novembre 2014 all’11 gennaio 2015, verrà offerto al pubblico un tour a tema molto particolare, dal titolo Natale nel corso dei secoli.

Il revival del Natale dal Rinascimento al XIX secolo

La festa era molto sentita dai re e dai principi della Loira, che vestivano a tema i loro appartamenti reali ed organizzavamo cene e banchetti per sfoggiare, come sempre, la loro ricchezza, cercando di dimostrare che il loro prestigio era di gran lunga superiore a quello degli altri nobili.

Durante la mostra, i visitatori potranno quindi scoprire come si celebrava il Natale nella Valle della Loira dal Rinascimento al XIX secolo, attraverso un percorso che mostrerà loro come le sale venivano addobbate in modo assai diverso da un secolo all’altro, quali elementi sono invece restati immutati, dove si svolgevano i momenti più importanti delle feste e quali cibi venivano consumati. Quali erano i tipici regali che si scambiavano? Si addobbava l’albero? Veniva allestito il presepe? Se sì, chi se ne occupava? Dove si svolgeva la cerimonia religiosa? I rancori venivano messi da parte secondo il celebre detto “a Natale siamo tutti più buoni”?

A queste e a molte altre domande si troverà risposta lungo il percorso che porterà a visitare le varie sale del castello, alla scoperta di aneddoti ed episodi singolari che si sono verificati in un arco di tempo che comprende più secoli. Un’occasione diversa dal solito per riscoprire quella parte di storia che non viene raccontata nei libri di scuola, ma che affascina la gente proprio perché curiosità diverse dalle battaglie e dalle guerre di cui tanto si studiava sui banchi.

Amboise - internoColonna sonora dell’intera visita sarà la musica natalizia, con i canti francesi tanto amati dalla nobiltà. Le indicazioni ed i commenti saranno disponibili sia in francese che in inglese, e sarà possibile prendere l’audio-guida apposita al costo di 4€ in più rispetto a quella guidata relativa esclusivamente alle collezioni permanenti. Le lingue a disposizione offerte dal castello di Amboise sono, oltre all’italiano, il francese, l’inglese, il tedesco, lo spagnolo, l’olandese, il russo, il polacco, il brasiliano, il giapponese, il cinese e il coreano. Una lista che per qualcuno può risultare eccessiva, ma che permette di comprendere l’interesse che ha la struttura nell’agevolare la visita a tutti i suoi visitatori.

Un servizio impeccabile che soddisfa i migliaia di turisti che, arrivati nella Valle della Loira, vogliono poter essere in grado di apprendere il più possibile su quei castelli così maestosi, affascinanti e misteriosi che godono di ottimo prestigio in tutto il mondo.

Pronti ad immergervi nel clima natalizio? Se sì, non perdetevi il tour dei castelli della Loira nelle prossime settimane.

Krizia Ribotta

Giornalista, blogger e autrice con la passione per il cinema, la lettura e i viaggi. Pubblica articoli dal 2010, da quando ha iniziato a scrivere per giornali e blog italiani e americani, con cui continua a collaborare. Autrice di un libro per il sociale, sta per esordire come travel blogger con il suo primo ebook dedicato interamente a consigli, recensioni e confidenze sui viaggi.

Comments are closed.