Nantes, la città green

Share

La cattedrale di Nantes

L’incantevole Valle della Loira racchiude numerose città piene di fascino, tra cui Nantes, che, con i suoi 290mila abitanti, si trova nel dipartimento di Loire-Atlantique, il cui nome è legato alla particolare posizione a ridosso delle sponde dell’Oceano Atlantico proprio nel cuore della Bretagna, luogo tanto decantato dai Latini.

Nantes è la sesta città di Francia per grandezza ed è elegante, un po’ retrò e dal gusto marinaro. Il centro storico è percorso da diversi corsi d’acqua che regalano vedute uniche e speciali, e questa particolarità le ha concesso l’appellativo di Venezia dell’Ovest. È un centro romantico ed affascinante, sicuramente una meta da visitare in una zona altrettanto bella.

Cosa si può vedere e fare in giro per la città?

– Shopping lungo la Passege Promenade, dove si incappa in incantevoli boutique, emblema dello stile francese, e locali di moda tra i più giovani;
– il monumentale centro storico, che nonostante sia legato ad un glorioso passato, è vivace ed alla moda, con mille scorci tutti da scoprire;
– il vecchio porto, che oltre ad una vista mozzafiato, è sede di numerosi laboratori artistici e artigianali;
– la cattedrale di Nantes o di St Paul e St Pierre, un gioiello di architettura gotica arricchita di dettagli dovuti alle numerose ristrutturazioni. Edificata nel 1434 sulle fondamenta di una chiesa romanica, ci sono voluti 457 anni prima che la sua realizzazione fosse terminata;
il museo Navale o Musee des Salorge, luogo che ripercorre la storia navale e coloniale di Nantes;
– il castello dei Duchi di Bretagna, il più grande della Loira, nonché una splendida fortezza datata 1400, in cui ci si può immergere nella storia dell’antica Bretagna;
– il tempio du Gout, un elegante palazzo aristocratico, oggi hotel, tra gli edifici più particolari della Francia;
– il quartiere di Le Bouffay, dalla particolare fisionomia urbana e dalla vita notturna spericolata;
– le crêperies, i i tipici locali francesi in cui è d’obbligo assaggiare una delle famosissime crêpes;
– la torre Lu, dai colori vivaci e dalle particolari decorazioni, che è il simbolo della città e sa sempre come attirare l’attenzione;
– il museo Jules Verne, che ripercorre l’entusiasmante vita di questo autore di fama nazionale;
– l’orto botanico e le serre esotiche, che hanno conferito a Nantes l’appellativo di polmone di Francia;
– la brasserie Ostriche di Cigoli, famosissima nella zona, che sa incantare tutti per le sue prelibate specialità, le ostriche;
– l’elefante meccanico, una monumentale struttura meccanica che, insieme a calamari e granchi giganti, caratterizza la città trasportando i turisti a spasso per il centro. Attraverso questi particolari mezzi di locomozione, è possibile osservare il territorio circostante da un punto di vista privilegiato.

Inoltre, Nantes dal 2007 è entrata a far parte del gruppo “Città e Terre d’Arte e Storia”, ed è la città più verde della Francia, tanto che, in un sondaggio del Times, il periodico americano, è emerso che la città francese in cui si vive meglio è proprio questa. Niente Parigi e Nizza, dunque: è questo antico centro ad essere considerato una pietra miliare del territorio d’oltralpe.

Una città dalle antichissime originiNantes, la piazza reale

Come se non bastasse, la storia della città si perde nella notte dei tempi: sembra infatti che sia stata fondata dai Namneti, una delle cinque famose tribù celtiche della Bretagna. La conferma potrebbe trovarsi nei resti archeologici ancora visibili in alcune vallate della zona. Successivamente è poi passata sotto il dominio romano, rimanendo sempre capace di reinventarsi e rinnovarsi.

Ed infine un po’ di relax

I turisti non dimenticarsi di concedersi un momento di vero relax osservando un tramonto sulla Loira dalla Torre Lu, che offre un panorama incredibile. Inondata della calda luce del sole calante, Nantes si conferma una grande bellezza circondata da una valle spettacolare.

Ludovica Vacri

Appassionata di SEO e Medical Writing, collaboro come Editor e Copy J. Sono un appassionata di viaggi e cucine tipiche. Collezioni oggetti vintage e mi piacerebbe trasferirmi ad Amsterdam

Latest posts by Ludovica Vacri (see all)

Share

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>