I giardini di Chambord

Share

I giardini di Chambord- il castelloIl castello di Chambord è uno dei castelli della Loira che più di tutti è un tutt’uno con l’ambiente che lo circonda. Il parco naturale e la foresta sono meravigliosi quanto, se non più, del castello stesso. I giardini di Chambord sono, ovviamente, nel classico stile francese. Ideati e progettati durante il lungo Regno di Luigi XIV, andati poi decadendo e solo in questo 2017 riportati agli antichi splendori.

I giardini di Chambord, una meraviglia attorno al castello

Nonostante la costruzione dell’edificio principale risalga al 1500, i giardini vennero progettati molto più tardi nel 1700 circa, con una geometria ben precisa: una lunga freccia divideva i giardini in due porzioni eguali e simmetriche e puntava dritta verso il castello, verso la sua porzione centrale più importante, la scala a doppia elica.

La foresta attorno al castello offre chilometri e chilometri di sentieri nascosti, passeggiate rilassanti e corsi d’acqua canalizzati; potrete inoltrarvi fra i boschi per ettari ed ettari. Due giardini, uno sul versante nord e l’altro scendendo verso est.

Ai primi giardini si aggiunsero negli anni alberi e piccoli boschi. Fino alla fine del 1900 gli alberi e gli arbusti venivano ripiantati mantenendo l’architettura originaria del 1700. Oggi la Foresta di Chambord classificata come monumento storico.

I giardini di ChambordNon possono mancare anche gli stagni, i ruscelli e i laghetti, che riportano ai vecchi ricordi dell’originaria Terra di Sologne, sulla quale è stato costruito il castello.

Il lago della Faisanderie e il lago di Bonshommes, offrono una visione molto più vivace dei primi scorci della Sologne.  I giardini propongono anche una passeggiata di circa 5 km seguendo il canale del fiume Cosson che permette di esplorare da vicino la fauna e la flora del parco.

In particolare i suoi abitanti come cervi nobili, cinghiali e caprioli saranno facilmente avvistabili.

I giardini di Chambord: come tutelarli

Il castello di Chambord è Patrimonio Mondiale dell’UNESCO dal 1981, sempre ben conservato e risanato nel corso degli anni.

Per quanto riguarda i giardini un’ottima notizia arriva nel febbraio 2015, quando viene approvato dallo Stato Francese un progetto di restauro, a testimonianza di quanto il parco di Chambord sia importante quando il suo castello. Il progetto è ambizioso ma sono sicura che decidere di visitare il castello di Chambord da questo 2017 sarà sicuramente più affascinante. I giardini saranno ripristinati come nel XVIII secolo e sono certa che l’atmosfera rinascimentale francese si farà sentire nelle giornate di primavera. Un’iniziativa molto particolare, avviata in concomitanza con il restauro dei giardini, è la possibilità di diventare sponsor del Parco Nazionale di Chambord.

I giardini di Chambord: come visitarli

Giardini di ChambordPer poter esplorare al meglio la tenuta e il parco, il castello di Chambord mette a disposizione visite guidate e moltissimi programmi, eventi e attività per promuovere non solo il castello ma anche la corretta esplorazione dei suoi meravigliosi spazi verdi.

Per il periodo della primavera fino al primo inverno è possibile noleggiare una piccola barca o una bicicletta.

Per i più romantici ci sono anche delle carrozze con i cavalli per visitare la parte privata del castello, purtroppo disponibili solo per i gruppi.

Laura Manenti

Hyggespreder per passione! Scrittrice, viaggiatrice, curiosa della vita e sostenitrice dell'hygge in ogni giorno dell'anno!
Fotografia, meditazione, danza, studio, tante passioni e un solo cuore. Positiva nell'animo e ottimista nella mente.

Latest posts by Laura Manenti (see all)

Share

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>