Il castello di Saumur, aperto da aprile a settembre 2017

Share

Castello di SaumurNella splendida valle della Loira, a cavallo tra la storica strada della Valle dei Re, la strada dei Plantageneti e all’interno del parco regionale Loire-Anjour-Touraine, si erge il castello di Saumur dall’anno 2000 dichiarato parte del Patrimonio Mondiale dell’Umanità UNESCO.

In una cornice privilegiata dal punto di vista naturale e monumentale, il castello rappresenta una delle testimonianze più illustri dei gusti reali francesi della Valle della Loira.

La storia del castello di Saumur

Nel corso dei secoli, il castello di Saumur è passato dalle mani della casata degli Angiò ai Plantageneti: la discendenza degli Angiò che divenne in seguito la casata reale di Francia. All’inizio del XIII secolo la costruzione venne completamente trasformata per realizzare una fortezza reale per soddisfare il re Luigi IX, comunemente nominato il Re Santo.

Nel secolo seguente, il duca Luigi Ier d’Angiò – fratello di re Carlo V- trasformò la fortezza in un castello fastoso che fu luogo di soggiorni periodici del re René, ultimo duca d’Angiò. Dopo la sua morte, dal 1480, il castello tornò ad esser parte dei tesori della casata reale.

Fino al termine dell’Ancien Régime il castello servì come luogo di residenza per i diversi governi della città di Saumur.

Nel 1589 il nuovo governo fece fortificare il castello con un’innovativa cinta di mura che esiste ancora oggi.

Nel XVII e XVIII secolo, il castello di Saumur divenne una terribile prigione. Dapprima le sue mura erano destinate ai prigionieri condannati con le temute “lettres de cachet”: lettere che contenevano ordini inderogabili del Re, firmate dallo stesso sovrano e da ministri e chiuse dal sigillo reale, alle quali era impossibile poter fare appello. In seguito, in particolare dal 1780, il castello divenne luogo di reclusione per prigionieri di guerra, specialmente marinari britannici.

Il castello fu risparmiato dalla distruzione portata dalla Rivoluzione Francese: Napoleone I decise di utilizzarlo come prigione di Stato e diede disposizioni di intraprendere dei lavori di adattamento per poter rendere il castello adeguato alla funzione che gli voleva riservare.

Il cambiamento politico legato alla Restaurazione della Monarchia interruppe però le trasformazioni del castello. Nel 1814 il castello divenne un importante deposito di armi e munizioni. In seguito, nel 1862, il castello di Saumur fu nominato Monumento Storico.

Castello di Saumur sul fiumeQuando l’agitazione militare terminò, la città di Saumur intraprese delle trattative con lo Stato Francese al fine di poter riacquistare il castello per poterci installare il museo municipale. Fu così che nel 1906, a seguito della concessa acquisizione del castello da parte della città di Saumur, presero avvio i lavori di restauro del castello.

Nel 1912 il monumento, quasi totalmente restaurato, fu aperto al pubblico.

Al primo piano del castello dell’ala nord venne installato il museo municipale, mentre al secondo piano fu istituito il museo del cavallo.

Durante il corso della Seconda Guerra Mondiale il castello venne bombardato e subì dei gravi danni. Alcuni anni dopo venne riparato.

Infine l’ala sud e la torre ovest vennero completamente restaurate tra il 1997 e il 2001.

La riapertura del castello di Saumur nel 2017

Il 1 aprile 2017, il castello-museo ha riaperto le sue porte al pubblico, offrendo l’opportunità di scoprire la sua collezione di Arte Decorativa.

Potrete ammirare una collezione di mobilio, tappezzerie e ceramiche a testimonianza dei gusti e delle decorazioni che caratterizzarono ben 5 secoli di storia, dal XIV al XVIII secolo.

Quest’anno il castello rimarrà aperto dal 1 aprile al 5 novembre.

Gli eventi animati al castello di Saumur

Nel corso della stagione estiva, il castello si animerà di eventi.

Dal 15 giugno al 15 settembre, sarà possibile godere di una splendida vista panoramica sulla Loira, sulla città di Saumur e i suoi dintorni. La visita avviene tutti i giorni al famoso Belvedere accompagnati da una guida.
È necessario prenotare il proprio ingresso che è previsto in gruppi di massimo 8 persone ed è a pagamento.

La Clessidra di Luce è una creazione artistica di Lucie Lom che presenta effetti speciali di luci e suoni. Assisterete a spettacolari manifestazioni delle stelle del firmamento o viaggerete all’interno dei sogni? A voi questa scoperta… Ingresso libero nella sala sotterranea.

Lo spettacolo “Il Duello amoroso”, dal 15 giugno al 15 agosto, alle ore 12:00 e 16:00, allieterà la vostra visita al castello nei giardini esterni. Il mimo e la danza si uniranno per dar vita ad un gioco amoroso. Lo spettacolo è offerto dall’associazione benefica “Trésor des Ducs d’Anjou” (Tesoro dei duchi d’Angiò) e inscenato da Aurélie Derussé.

Orari e Tariffe del castello di Saumur

– Bassa e media stagione

Dal 1 aprile 2017 al 14 giugno, e dal 16 settembre al 5 novembre 2017, è possibile visitare il castello dal martedì alla domenica (compresi i lunedì feriali), dalle ore 10:00 alle 13:00 e dalle ore 14:00 alle ore 17:30.

Dal 15 al 30 giugno e dal 1 al 16 settembre 2017, è possibile visitare il castello tutti i giorni dalle ore 10:00 alle 18:30.

I prezzi di ingresso in bassa e media stagione sono:
6,00 € per adulti
4,00€ ingresso ridotto
18,00€ ingresso famiglia che comprende 2 adulti e almeno 2 bambini
4,00€ ingresso in gruppo per adulti (min 12 persone)
3,50€ ingresso gruppo ridotto (min 12 persone)
Gratuito per bambini con età inferiore a 7 anni

– Alta Stagione

Castello di SaumurDal 1 luglio al 31 agosto 2017, è possibile visitare il castello tutti i giorni dalle ore 10:00 alle ore 18:30.

I prezzi di ingresso sono:
7,00 € per adulti
5,00€ ingresso ridotto
20,00€ ingresso famiglia (2 adulti e 2 bambini) +1,00€ ogni bambino supplementare
5,50€ ingresso in gruppo per adulti (min 12 persone)
4,50€ ingresso gruppo ridotto (min 12 persone)
Gratuito per bambini con età inferiore a 7 anni
Accesso al Belvedere, aperto dal 15 giugno 2017 al 15 settembre: costo aggiuntivo di 3,00€ sul biglietto di ingresso (indipendentemente da media o alta stagione).

Sara Cardinetti

Sono una ragazza di 23 anni, laureata nel corso di Lingue e Letterature Straniere, nell’ambito di Facoltà Umanistiche, nell’ a.a. 2014/2015, con una tesi triennale intitolata “ IL THÉÂTRE ACTION: Strumento di lotta per l’affermazione dell’identità femminile”: elaborato volto all’analisi di due pièces teatrali inerenti la figura femminile e la sua volontà di emancipazione in Burkina Faso e in Kenya.
Ho desiderato fare oggetto di laurea una delle realtà che ancora al giorno d’oggi rendono difficile la sopravvivenza dell’umanità su questo pianeta, e in quanto donna, un tema che sento molto vicino. Come è giusto che sia, desidero diffondere la realtà con tutte le sue sfaccettature: dalla consapevolezza della realtà che ci circonda si può trarre qualsiasi miglioramento.
Share

Comments are closed.