Un po’ di storia del Castello di Villandry | Castelli della Loira
Prossimo Tour ai castelli della Loira: partenza 14 aprile 2017!
close

Un po’ di storia del Castello di Villandry

Share

Gli amanti dei fiori non possono assolutamente perdersi questo vero e proprio spettacolo!

Il Castello di Villandry, situato nell’omonima cittadina di Villandry, è uno dei Castelli della Loira che più viene ricordato per la bellezza dei suoi giardini, aiuole ed arbusti; un’incredibile maestria ha saputo trasformare un’area verde in un luogo da sogno, e renderà la vostra passeggiata un’esperienza indimenticabile!
Un po’ di storia…

Il Castello di Villandry viene costruito nel 1532 dal ministro di re Francesco I di Francia, Jean Le Breton, e rimane di proprietà della famiglia per circa due secoli, quando viene acquistato dal Marchese di Castellane.

Durante gli anni della Rivoluzione francese viene confiscato e solo nel 1800 l’allora imperatore Napoleone Bonaparte decide di acquistarlo per poterlo regalare al fratello Giuseppe.

Nel 1906 la tenuta viene rilevata dallo spagnolo Joachim Carvallo, il quale investe ingenti somme di denaro per la realizzazione dei suoi meravigliosi giardini, e fonda nel 1924 la prima associazione che raggruppa tutti i proprietari dei castelli storici della Loira.

Tuttora il Castello di Villandry è di proprietà della famiglia spagnola, aperto al pubblico, ed appartiene al complesso dei Castelli della Loira, patrimonio dell’UNESCO.

Latest posts by martinamagellano (see all)

Share

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

x

Informativa sui cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.