Un po’ di storia del Castello di Valençay

Share

Sembra che il nome Valençay nasca in epoca gallo-romana da una località chiamata Valens, dove pian piano vengono costruiti edifici ed un imponente torrione.

La costruzione di una vera e propria fortezza feudale viene attribuita al signore di Valençay Gauthier, che intorno al XII secolo, diventa di proprietà della famiglia Chalon Tonnerre, subendo notevoli miglioramenti e modifiche dal punto di vista difensivo.

Nel XV secolo la tenuta passa alla famiglia d’Etampes, che costruisce un piccolo castello, che diventa una vera e propria opera d’arte nel 1520, con il maestoso torrione ed il bellissimo padiglione di ingresso, in stile tipico rinascimentale.

La nuova famiglia che acquista la tenuta nel 1770, decide di eliminare un’ala e abbellire invece la grande ala ovest, costruendo anche l’elegante Torre sud, e ristabilendo una più equilibrata simmetria che rende il tutto più armonico, questa volta però in stile più classico.

Durante l’epoca Napoleonica, intorno al 1800, il Castello di Valençay viene acquistato da Charles Maurice de Talleyrand e proprio in questo periodo conosce il periodo di massimo splendore; numerosi artisti, ambasciatori, musicisti e pittori vengono ricevuti al Castello.

Al termine del “regno” di Talleyrand, la proprietà si estendeva su 23 comuni del dipartimento dell’Indre occupando una superficie stimata per difetto in 220 km².

Latest posts by martinamagellano (see all)

Share

Comments are closed.