Loira | Castelli della Loira
Prossimo Tour ai castelli della Loira: partenza 14 aprile 2017!
close

Loira

Share

La Valle della Loira, lunga 280 chilometri, estesa per circa 800 chilometri quadrati, è un’area che comprende il territorio tra Chalonnes-sur-Loire e Sully-sur-Loire

La Valle della Loira è il sito francese più vasto che sia mai stato iscritto nel Patrimonio Culturale Vivente dell’UNESCO.

Un importantissimo riconoscimento, che insieme agli oltre 878 siti mondiali (citiamo ad esempio la Muraglia Cinese, il Tempio di Abu Simbel in Egitto, la Statua della Libertà di New York), dimostra l’abilità dell’uomo di vivere lungo un fiume, adattarlo ai suoi bisogni, e difendersi dalle sue insidie, mantenendo comunque quella che è l’identità culturale del luogo.

L’iscrizione della Valle della Loira nei Siti Culturali dell’UNESCO, è stata definita seguendo tre criteri:

1- per la qualità del suo patrimonio architettonico in alcune delle sue città storiche come Blois, Chinon, Tours, Orléans, Saumur… Ed in particolare per i suoi famosi Castelli di Amboise e Chambord

2- per la sua posizione lungo il fiume Loira, che testimonia un interscambio di valori tra esseri umani e tra umani e natura, per uno sviluppo armonioso che dura da più di due millenni;

3- per il modo in cui vengono sottolineati gli ideali del Rinascimento e dell’Età dei Lumi, attraverso splendidi monumenti e siti culturali.

Un po’ di storia…

La Valle della Loira ricopre una grande importanza già in epoca Romana; l’impatto sul territorio, infatti, è enorme, e ancora oggi influenza forme, costruzioni e vie di comunicazione.

Successivamente, diventa un punto di comunicazione e commercio in Gallia.

In epoca tardo-romana, il vescovo di Tours San Martino, fonda un santuario, diventato poi modello seguito per molti altri edifici ecclesiastici della regione.

Il Santuario di Tours è stato per molti anni, uno dei centri di pellegrinaggio più importanti d’Europa, fino a quando viene sostituito da Santiago de Compostela.

Nel X secolo la nascita del potere signorile, porta un forte cambiamento nel paesaggio: vengono costruite infatti imponenti fortezze feudali fortificate.

La Valle della Loira diventa poi zona di frontiera e di scontri tra eserciti francesi ed inglesi durante la Guerra dei Cent’Anni, e vede la rovina o addirittura distruzione di molti castelli.

Al termine della guerra, la Valle della Loira diventa luogo ideale per la nascita e lo sviluppo di correnti come l’Umanesimo ed il Rinascimento, portando anche allo smantellamento delle fortezze medievali, riconvertendole in residenze e dimore di svago.

Il XVII secolo vede lo sviluppo di un’economia di tipo commerciale, basata su artigianato, industrie e trasporto marittimo, introducendo i primi controlli di gestione delle acque della Loira, intensificati durante il XIX secolo.

La rappresentazione romantica che scrittori, poeti, pittori e musicisti hanno attribuito alla Valle della Loira ha contribuito a richiamare un vasto numero di turisti, provenienti prima di tutto dalla Francia, dall’Europa e solo nel XX secolo dal resto del mondo.

Questa importante ondata di turismo nella Valle ha sicuramente contribuito alla salvaguardia paesaggistica e territoriale da parte delle autortà locali, attraverso politiche volte a conservare e preservare l’integrità di città, monumenti e castelli.

La Valle della Loira…

La Valle della Loira, si trova in una zona climatica di tipo oceanico-continentale, data la vicinanza all’Oceano Atlantico; il clima quindi è particolarmente fresco, con temperature minime medie che si avvicinano allo zero, nevicate piuttosto scarse.

Le piogge sono sostanzialmente ben distribuite durante tutto il corso dell’anno, anche se sono più frequenti in autunno e inverno.

L’estate è calda, ma mai eccessivamente, con temperature medie che si aggirano intorno ai 24°C.

Questo clima favorevole permette la crescita e la coltivazione della vite, e di conseguenza la produzione di eccellenti e rinomati vini.

Questa regione è generalmente caratterizzata da una grande diversità di microclimi, che variano al variare delle differenze di altitudine e dell’orientamento dei venti.

Oltre alle splendide residenze, i Castelli della Loira, lungo il corso del fiume, la Valle della Loira è anche un luogo dove la natura incontaminata regala scorci emozionanti, e permette all’uomo di fondersi completamente con essa, con la sua ricca flora e fauna…

Piante tropicali, vaste isole sabbiose, foreste alluvionali, praterie si alternano lungo il corso del fiume, che muta continuamente il suo aspetto e ridisegna costantemente il profilo del suo letto.

Animale-simbolo della Valle è sicuramente il castoro, che si è riappropriato del suo territorio (soprattutto sull'”Isola della Follia” a Chaumont-sur-Loire) dopo essere stato reintrodotto in questo habitat circa 25 anni fa; si contano inoltre una grande varietà di volatili.

La fauna della Valle può essere ammirata e scoperta viaggiando sui battelli tradizionali, all’alba o al tramonto.

Per gli amanti dell’avventura, invece, la Valle della Loira è un pozzo di idee e proposte: a piedi, in bicicletta, in battello o addirittura in mongolfiera o in kayak, il visitatore viene proiettato in un mondo incantato ed incontaminato, che regalerà emozioni indelebili.

Share
x

Informativa sui cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.